Torna alla Homepage FORUM - ITALIANO DOMANDE - F.A.Q. DOCUMENTI Vai al NEGOZIO

MMS ARTICOLI


MMS L'AUTORE


MMS SUPPORTO


MEDICINA DELLA MORTE


VETRINA

Scarica il nostro e-book
Recuperare la salute in 15 giorni Recuperare la salute in 15 giorni



LINKS




RELAZIONE MEDICA DI COME FUNZIONA IL MMS

Relazione del dott. THOMAS LEE HESSELINK. MD

BENEFICI

Ho letto di questa rimarchevole scoperta per la prima volta nell'autunno 2006. Che il sodio clorito o il diossido di cloro possano uccidere i parassiti mi è sembrato fin dall'inizio ragionevole. E' ben conosciuto che molti organismi che provocano malattie sono sensibili agli ossidanti. Vari composti classificabili come ossidi del cloro come ipoclorito di sodio e il diossido di cloro sono già ampiamente usati come disinfettanti.

Quello che qui è nuovo ed eccitante è che la tecnica di Mr. Humble sembra: 1) facile da usare, 2) di azione rapida, 3) che funziona con successo, 4) apparentemente priva di tossicità, 5) affrontabile. Se questo trattamento continua a dimostrasi efficace, può essere usato per liberare l'umanità da una delle più devastanti piaghe, la malaria, di cui soffrono milioni di persone nel mondo. Da 1 a 3 milioni di persone, specialmente bambini, ogni anno muoiono di malaria.

Da questo motivato ho cercato di imparare tutto quello che ho potuto sulla chimica degli ossidi del cloro. Volevo capire il loro probabile meccanismo di azione e tossicità nel confronto dell'agente che causa la malaria. (la specie dei plasmodi). Ho voluto controllare nella letteratura disponibile la questione di sicurezza o rischi nell'uso umano.



LA SCOPERTA

Lo scopritore, un moderno ricercatore minerario ,specializzato nella ricerca dell'oro,necessitava di viaggiare per lavoro in aree infestate dalla malaria. Sia lui che i suoi collaboratori occasionalmente contraevano la malaria. Al momento l'accesso a moderni trattamenti medici era assolutamente impossibile. Sotto tali estreme circostanze ha scoperto che una soluzione utile per rendere potabile l'acqua era anche efficace contro la malaria se diluita e presa oralmente. Pur non avendo una formazione medica formale Mr.H. aveva un'innata saggezza per sperimentare con vari dosaggi e tecniche di somministrazione. Sotto tali necessità ha inventato un trattamento facile da usare per trattare la malaria che si è scoperto efficace molto rapidamente in quasi tutti i casi.



MATERIALI E METODI

La procedura usata da Mr. H. è la seguente: Viene preparata una soluzione al 28% di sodio clorito, purezza tecnica 80 %, (NaClO2).

Il restante 20 % è una mistura degli usuali eccipienti necessari nella fabbricazione e stabilizzazione del sodio clorito in polvere o in scaglie Tali costituenti sono in maggioranza cloruro di sodio (NaCl)

(sale da cucina) 19 %; idrossido di sodio (NaOH) <1%; e clorato di sodio (NaClO3)<1%. La reale quantità di sodio clorito presente nella soluzione è perciò del 22.4 %. Usando un contagocce con bocca quadrata (25 gocce per cc) ,più largo dei normali contagocce rotondi, la dose normalmente somministrata per trattamento è da 6 a 15 gocce. In termini di milligrammi di sodio clorito, calcolando 9 mg per goccia si assumono da 54 mg a 135mg per trattamento. L'efficacia è aumentata, se prima della somministrazione le gocce scelte sono mescolate con aceto da tavola o succo di limone da 2.5 cc a 5 cc, poi 3 minuti di attesa, per consentirne la reazione. La soluzione così acidificata è mescolata con acqua o succo di mela e presa oralmente. La soluzione può essere presa a stomaco vuoto per aumentarne l'efficacia ma questo spesso causa nausea. La nausea è meno probabile si manifesti se il cibo è presente nello stomaco tipo 1 ora dopo i pasti. L'aceto (5% acido acetico) o succo di limone o lime(dal 5% al 9% di acido citrico) neutralizza l'idrossido di sodio e allo stesso tempo converte una piccola porzione di ione clorito (ClO2-) nel suo acido coniugato conosciuto come chlorous acid (HClO2).

Sotto tali condizioni una parte del chlorous acid ossida altri anioni di cloro, gradualmente produce diossido di cloro (ClO2). Il diossido di cloro appare nella soluzione con la tinta gialla e odora esattamente come il cloro.



OSSIDANTI QUALI AGENTI FISIOLOGICI

Avevo già molta familiarità con gli altri ossidanti conosciuti utili in campo medico. Esempi sono:

hydrogen peroxide, zinc peroxide,

various quinones, various glyoxals, ozone, ultraviolet light,

hyperbaric oxygen, benzoyl peroxide, artemisinin, methylene blue,

allicin, iodine and permanganate.

Ho insegnato in numerosi seminari il loro uso e spiegato il loro meccanismo di azione a un livello biochimico. Gli ossidanti sono atomi o molecole che acquisiscono elettroni. I riducenti sono atomi o molecole che donano elettroni agli ossidanti.

L'esposizione dei globuli rossi del sangue a basse dosi di ossidanti induce un cambio nell'attività dell'oxyhemoglobin (Hb-O2) così che più ossigeno (O2) viene rilasciato nei tessuti del corpo. Ad esmpiol'ossigenazione iperbarica (ossigeno in pressione): 1) è un potente agente detossificante contro il monossido di carbonio (CO); 2) è un potente supporto contro le bruciature, le ferite da schiacciamento, e i colpi ischemici; 3) è un efficace aiuto per trattare molte infezioni batteriche.

Presi internamente,a intermittenza e a basse dosi è stato scoperto che molti ossidanti sono potenti immunostimolanti. L'esposizione del sangue vivo alla luce ultravioletta ha un effetto similare. Questi trattamenti lavorano attraverso una risposta fisiologica naturale, che induce i globuli bianchi periferici produrre e rilasciare citochine. Queste citochine servono come sistema di allarme per incrementare l'attacco cellulare contro i patogeni e regolano la risposta alle reazioni allergiche.

Le cellule attivate del sistema immunitario producono naturalmente forti ossidanti come parte del processo infiammatorio nei siti di infezione o cancro per liberare il corpo da queste malattie. Uno di questi ossidanti naturali è il perossido di idrogeno (H2O2). Un altro è il peroxynitrate (-OONO), il prodotto accoppiato superoxide (*OO-) e nitric oxide (*NO) tutti radicali. E ancora hypochlorus acid (HOCl) l'acido coniugato del sodium hypochlorite (NaClO).



OSSIDANTI COME DISINFETTANTI

Gli hypochlorites sono comunemente usati come agenti decoloranti, per sanitizzare l'acqua delle piscine e come disinfettanti. Il diossido di cloro (ClO2) come pure l'ozono (O3) sono efficaci disinfettanti per le acque potabili e sono spesso usati a tale scopo. La soluzione di sodio clorito (NaClO2) è da lungo tempo usata per risciacquare la bocca per eliminare odori e batteri orali. Il sodio clorito acidificato è approvato dalla FDA come spray nell'industria della conservazione della carne per sanitizzare la carne. Gli allevatori lo usano per pulire le mammelle delle mucche al fine di prevenire la mastite e per liberare le uova da batteri patogeni. Il diossido di cloro uccide molti virus. Il sodio clorito acidificato è anche utile per sanitizzare i vegetali. Alcuni lavori sono stati fatti sulla soluzione di sodio clorito usata internamente per trattare infezioni da funghi,fatica cronica, e cancro. Tuttavia poco è stato pubblicato al riguardo.



LA MALARIA E' SENSIBILE AGLI OSSIDANTI

Dal novembre 2006 al maggio 2007 ho speso centinaia di ore nel cercare letteratura biochimica e medica relativa alla biochimica dei Plasmodi. Quattro specie sono comunemente patogene per gli umani e sono: Plasmodium vivax, Plasmodium falciparum, Plasmodium ovale e Plasmodium malariae. Ho trovato abbondanti conferme che al pari dei batteri, i plasmodia sono davvero sensibili agli ossidanti. Esempi di ossidanti tossici per i Plasmodia includono: artemisin, atovaquone, menadione e methylene blue. Al pari dei batteri e delle cellule tumorali, l'abilità di vivere e crescere dei Plasmodi dipende pesantemente dall'abbondanza interna dei composti del tiolo. I tioli sono anche conosciuti come sulfhydryl compounds (RSH). I tioli come classe sono dei riducenti (donatori di elettroni). Così essi sono notoriamente sensibili all'ossidazione e rapidamente reattivi con gli ossidi del cloro. Questi includono il sodio clorito (NaClO2) e il diossido di cloro (CLO2) proprio l'agente presente nella soluzione di Mr. Humble. I prodotti dell'ossidazione dei tioli che usano vari ossidi del cloro sono: disulfides (RSSR), disulfide monoxides (RSSOR), sulfenic acids (RSOH), sulfinic acids (RSO2H), and sulfonic acids (RSO3H). Nessuno di questi può sostenere i processi vitali dei parassiti. Dopo una sufficiente rimozione, tramite l'ossidazione, dei tioli che sostengono la vita dei parassiti questi rapidamente muoiono. Una lista dei tioli (RSH) da cui per la propria sopravvivenza i parassiti pesantemente dipendono includono: lipoic acid e dihydrolipoic acid, coenzima A e acilici trasportatori di proteine, glutathione, glutathione reductase,

glutathione -S-transferase, peroxideroxin, thioredoxin, glutaredoxin, plasmoredoxin, thioredoxin reductase, ornithine decarboxylase e falcipain.



L'EME E' UN SENSIBILIZZANTE AGLI OSSIDANTI

Di particolare rilevanza nel trattare la malaria è il fatto che i Plasmodi trofozoiti vivendo all'interno dei globuli rossi devono digerire emoglobina che è la loro fonte preferenziale di proteine. Compiono questo ingerendo l'emoglobina in un organello conosciuto come "acid food vacuole". Incidentalmente l'alta concentrazione di acido in questo organello può servire come sito addizionale di conversione del clorite (ClO2-) nel più attivo diossido di cloro (CLO2) proprio dentro il parassita.

Inoltre il falcipain (un enzima che digerisce emoglobina) idrolizza la proteina dell'emoglobina per rilasciare gli amminoacidi di cui si nutre. Un necessario sottoprodotto di questa digestione è il rilascio di 4 molecole di eme da ogni molecola di emoglobina digerita. L'eme libero (conosciuto anche come ferriprotoporphyrin) è un riducente attivo e può reagire con l'ossigeno ambientale (O2), che è sempre presente in abbondanza nei globuli rossi. Questo produce il radicale superossido (*OO-), perossido d'idrogeno (H2O2) e altri ossidanti tossici. Questi possono avvelenare rapidamente il parassita dall'interno.

Per proteggere se stesso da questi pericolosi effetti collaterali nel mangiare le proteine del sangue, i Plasmodi devono continuamente e rapidamente eliminare l'eme. Questo viene fatto in due modi. Per primo l'eme è polimerizzato producendo hemozoin. Secondo, l'eme è metabolizzato in un processo di detossificazione che richiede di ridurre il glutathione (GSH). Perciò ogni metodo (incluso l'esposizione agli ossidanti) che limiti la disponibilità di glutathione ridotto causerà un aumento tossico di eme dentro le cellule del parassita. Dal momento che il sodio clorito e il diossido di cloro  rapidamente ossidano il glutathione la detossificazione dall'eme è inibita. Dal momento che questi sono proprio gli agenti usati nel trattamento di Mr.H., gli effetti osservati dell'uccisione dei Plasmodi è aspettata.



SUPERARE LA RESISTENZA AGLI ANTIBIOTI CON L'OSSIDAZIONE

Ora occorre affrontare la questione della resistenza dei Plasmodi agli antibiotici antiprotozoici comunemente usati. Quinine, chloroquinine, mefloquinine e altri antibiotici quinoiline, tutti lavorano bloccando la detossificazione dell'eme all'interno del tropozoite. Molti sforzi dei plasmodi contro le quinoline che vengono usate per combatterli hanno dato come esito l'acquisizione di una loro resistenza agli antibiotici. Recenti ricerche hanno dimostrato, che il meccanismo di questa acquisita resistenza assomma a una mera sovraregolazione del meccanismo di produzione e utilizzazione del glutathione. Recenti ricerche hanno mostrato che l'ossidazione o la riduzione in qualche modo del glutathione all'interno del parassita ripristina la sensibilità agli antibiotici quinoline. Perciò alcuni protocolli che combinano l'uso degli ossidanti con le quinoline hanno già mostrato segni di successo. A questo riguardo occorre considerare che nessuna quantità di intraplasmodial glutathione (GSH) è in grado di resistere all'esposizione di una sufficiente dose di diossido di cloro (ClO2). Da notare che ogni molecola di ClO2 può disabilitare 5 molecole di glutathione.

10 GSH + 2 ClO2-> 5GSSG + 4 H2O + 2 HCl

La materia vivente dispone di un meccanismo di recupero per salvare i composi solforosi ossidati. Opera mediante la donazione di atomi di idrogeno a questi composti e perciò ripristina la loro condizione originale di tioli. 2 [H] + GSSG-> 2 GSH. Un fattore chiave in questo sistema è l'enzima glucoe-6-phophate- dehydrogenase (G6PDH). Pazienti con una deficienza genetica di G6PDH, conosciuta come deficienza di glucose-6-phophate-dehydrogenase, sono particolarmente sensibili alle medicine proossidanti. Tuttavia questa malattia genetica ha il beneficio di lasciare questi individui naturalmente immuni alla malaria. Essi possono prendere la malaria, ma in loro è molto meno severa, in quanto mancano permanentemente dell'enzima necessario ad assistere il parassita nel riattivare il glutathione.

Inoltre, il G6PDH è profondamente sensibile all'inibizione da parte del sodium chlorate (NaClO3),

un altro membro della famiglia dei composti degli ossidi del cloro. Sodium colorate (NaClO3) è un ingrediente minore presente nella soluzione antimalarica MMS. Una certa quantità di so-

dium colorate può essere prodotta in vivo da una lenta reazione del diossido di cloro con l'acqua sotto condizioni leggermente alcaline. Il plasmodia può tentare di ripristinare il suo glutathione perso con l'ossidazione. Tuttavia questo è difficoltoso o impossibile se il G6PDH è inibito dal colorate.



IL FERRO COME OBBIETTVO

Mentre molta della letteratura disponibile riferisce che lo squilibrio di redox (riduzione mediante ossidazione) causa la riduzione dei tioli, altri meccanismi di tossicità degli ossidi del cloro contro i plasmodia vanno considerati. Gli ossidi del cloro generalmente sono molto reattivi con gli ioni ferro

(Fe++). Questo spiega perché nei casi di esposizione a sovradosaggi degli ossidi del cloro tipo il sodio clorito (NaClO2) c'è un notabile aumento nei livelli di methemoglobin. Methemoglobin è una forma metabolica inattiva dell'emoglobina nella quale il suo ione ferro (Fe++) cofattore è stato ossidato in ossido di ferro (Fe+++). Molti enzimi delle cose viventi impiegano il ferro come cofattore inclusi quelli nei parassiti. Così è ragionevole aspettarsi che ogni danno ai plasmodia causati dagli ossidi del cloro inducono una conversione degli elementi ferrici nei cofattori ossido di ferro.



LE POLIAMMINE COME BERSAGLIO NEI TUMORI, BATTERI E PARASSITI

Altri metabolici necessari alla sopravvivenza e crescita dei tumori,batteri e parassiti sono le poliammide. Quando queste sono carenti i patogeni smettono di crescere e muoiono. Le poliammide sono sensibili all'ossidazione e possono essere eliminate dai forti ossidanti. Quando vengono ossidate le poliammide sono convertite in aldehydes, che sono mortali per i parassiti dei tumori.

Così ogni procedura che ha successo nell'ossidare le poliammine fa un doppio danno ai patogeni.

Il diossido di cloro (ClO2) è noto per essere specialmente reattivo contro le ammina secondarie.

Questo include spermine e spermidine, le due più importanti poliammine.



SICUREZZA DEL MIRACLEMINERAL SOLUTION (MMS)

Una questione ancora da affrontare è la sicurezza dell'miracle mineral supplement. Fino ad ora almeno anedotticalmente, il dosaggio del diossido di cloro così come è somministrato oralmente rispettando il protocollo stabilito dallo scopritore non ha prodotto una definita tossicità. Alcuni hanno assunto l'MMS da una a tre volte la settimana ed almeno alla superficie sembra non ci siano malanni. Per essere certi della sua sicurezza, occorre ulteriore ricerca sull'uso ripetuto e a lungo termine. Al riguardo troppa o troppo frequente assunzione di ossidanti può ridurre eccessivamente i riducenti del corpo e promuovere stress ossidativi. Un modo utile di verificare questo è di controllare i livelli di methemoglobin in chi usa l'MMS di frequente. Il sodio clorito, trovato nelle acque potabili dopo la disinfezione delle stesse ad opera del diossido di cloro, è stato studiato ed è stato provato che è sicuro. Studi sugli animali usando oralmente anche dosi più alte, hanno provato che è sicuro. In un caso di tentato suicidio con il sodio clorito, ha causato quasi un fatale non funzionamento dei reni e problemi con la methemoglobinemia. Speciali precauzioni devono essere osservate nei casi malattia causata da deficienza di glucose-6-phophate-dehydrogenase, in quanto questi pazienti sono specialmente sensibili agli ossidanti di tutti i tipi. Ciò nonostante la soluzione orale di sodio clorito (NaClO2) può ancora ritenersi sicura ed efficace in questi pazienti, ma probabilmente deve essere somministrata a dosi più basse.



ULTERIORI RICERCHE

Si spera che questa panoramica generale accenda un grande interesse, e stimoli più ricerca nel campo dell'uso della soluzione acidificata di sodio clorito nel trattamento della malaria. Le osservazioni di cui sopra necessitano di essere provate in modo più rigoroso e pubblicate. La biochimica probabilmente implicata suggerisce che altri membri del phylum Apicomplexa potrebbero essere sensibili a questo trattamento. Questo phylum include: Plasmodium, Babesia,

Toxoplasma, Cryptosporidium, Eimeria, Theileria, Sarcocistis, Cyclospora, Isospora e Neospora.

Questi agenti sono responsabili di malattie molto diffuse negli umani, negli animali domestici e nel bestiame.

E' stato provato che il diossido di cloro è letale per quasi tutti gli agenti infettivi conosciuti in vitro usando rimarchevoli basse concentrazioni. Questo include PARASSITI, FUNGHI, BATTERI E VIRUS. Le esperienze descritte sopra suggeriscono che questo composto è oralmente tollerabile alle concentrazioni stabilite dallo scopritore Perciò estensive ricerche sono necessarie per determinare se la soluzione acidificata di sodio clorito è efficace anche in molte altre infezioni. Potremmo essere all'alba della scoperta del più potente antibiotico a largo spetto mai conosciuto dal genere umano.

SPECIALI RINGRAZIAMENTI VANNO ALLO SCVOPRITORE PER LA SUA VOLONTA' DI DIVIDERE QUESTA SUA SCOPERTA CON IL MONDO.

http://www.miraclemineral.org/

http://www.bioredox.mysite.com/

Thomas Lee Hesselink, MD


Nota del traduttore.

Questa relazione è stata tratta dal libro:

Breakthrough

The Miracle Mineral S. of the 21st Century

Part2

2<sup>nd</sup> Edition

Tutti I riferimenti sulla bibliografia si trovano in questo libro.

Il libro di Jim Humble

Breakthrough

The miracle Mineral S. of the 21st Century

Part1

2<sup>nd</sup> Edition

In Inglese può essere scaricato gratuitamente in questo sito o dal sito

http://www.miraclemineral.org/

La seconda parte del libro contenente tutte le istruzioni per fare l'MMS può essere

Scaricata dal sito http://www.miraclemineral.org/ al prezzo di 12.95 dollari Americani, da notare che detratte le spese, il ricavato viene usato per produrre l'MMS da distribuire gratuitamente in Africa. Chi vuole può unirsi agli sforzi dello scopritoree per portare in Africa l'MMS agli ammalati di malaria, un'impresa che può salvare milioni di vite.

Tradotto da Gianni


TERMINI D'USO DEL MIRACLE MINERAL SOLUTION (MMS):

L'MMS E' UNA SOLUZIONE PER POTABILIZZARE L'ACQUA
E SOLO A TALE SCOPO VA USATO.


Ciò che è scritto nel sito www.miraclemineral.it a proposito degli usi curativi dell'MMS Tradotti dal libro dello scopritore, sono solo opinioni e non consigli medici.
Qualunque cosa lei decida di fare con la sua salute, si tratta di una sua scelta ed esclusivamente di una sua decisione.
IL MIRACLE MINERAL SOLUTION (MMS )
Non è una medicina, ma una soluzione per potabilizzare l'acqua,
Non è inteso come consiglio medico, non è inteso come consiglio ad allontanarsi dai medici.
Non si afferma che il MMS cura, previene o diagnostica malattie.
A chiunque necessiti di cure mediche si consiglia di rivolgersi ai medici.
Il Miracle Mineral Solution non è stato valutato né approvato dalle autorità sanitarie.



Copyright © MMS-ITALIA.ORG 2011

*   Tutti i contenuti sono dei rispettivi autori By AlphaShop